FINALE-DI-PARTITA

23 - 24 Novembre 2019

Compagnia Mauri Sturno

Glauco Mauri, Roberto Sturno

Finale di partita

di Samuel Beckett
scene e costumi Marta Crisolini Malatesta
musiche Giacomo Vezzani
regia ANDREA BARACCO

Finale di partita, scritto da Beckett nel 1956, parla della condizione umana segnata dalla sofferenza e dall’assurdità dell’essere, dei limiti e delle possibilità della libertà individuale, della solitudine di ciascuno di fronte al mondo: un teatro di personaggi, che si fissano nella memoria, vivi e palpitanti. Finale di partita, si svolge in una stanza-rifugio post-atomico, nuda, senza mobili, dove la luce penetra grigiastra, dove, come in una pseudopartita a scacchi, si muovono i suoi personaggi: Hamm, cieco e su una sedia a rotelle, i suoi genitori Nagg e Nell, senza gambe e chiusi in due contenitori per la spazzatura, e il suo servitore Clov, che non può sedersi mai. Hamm e Clov per sopravvivere hanno bisogno l’uno dell’altro: solo Clov può dar da mangiare ad Ham, e solo Ham possiede le chiavi della dispensa.